10.5 C
Comune di Bari
mercoledì 8 Dicembre 2021
Home Apertura Virus gastrointestinali, boom tra bambini e adulti. La dottoressa Amore: "Occhio a...

Virus gastrointestinali, boom tra bambini e adulti. La dottoressa Amore: “Occhio a frutti di mare e cenoni”

Notizie da leggere

“Siamo in un periodo di transizione, caratterizzato da sindromi gastrointestinali”. Possono colpire tutti indistintamente, bambini, adulti e anziani, e non sarà il vaccino antinfluenzale a mettere al riparo da questi virus “aggressivi e resistenti”. A sottolinearlo è la dottoressa Amore, medico di base barese, alle prese da qualche settimana con le prime diagnosi di infezioni che colpiscono l’apparato digerente.

I sintomi sono quelli noti: vomito, diarrea e febbre. “Nella maggior parte dei casi durano poco tempo – precisa – ma è importante curarsi bene, stare a riposo e per quanto riguarda i bambini, idratarli sempre e non mandarli a scuola”. Infezioni destinate presumibilmente a salire con il passare dei giorni e con l’avvicinarsi delle feste natalizie, periodo in cui “non si rinuncia a nulla – dice ancora Amore – Per questo bisogna stare attenti all’alimentazione, non eccedere durante i cenoni di Natale e, soprattutto, evitare i frutti di mare”.

Parallelamente bisogna stare attenti anche alle forme che colpiscono l’apparato respiratorio. Se da un lato è importante vaccinarsi contro l’influenza vera e propria, anche per evitare il sovrapporsi di quei sintomi tipici dei malanni di stagione ma paragonabili a quelli dati dal Covid, dall’altro l’arrivo dell’inverno porterà un aumento dei casi di raffreddore.

“Tutte queste forme virali si curano a casa – prosegue il medico di base – ma mentre è più facile tenere i bambini al riparo, dall’altro gli adulti, costretti spesso a continuare a lavorare, possono andare incontro a complicazioni, come rinorree, sinusiti e bronchiti”. Solo in quest’ultimo caso, però, potrebbe essere necessaria l’assunzione di un antibiotico, perché in linea di massima “basta l’aerosol terapia, a meno che, soprattutto nei bambini, i muchi non cambino colore, fino a diventare purulenti. Ma anche in questo caso è fondamentale l’idratazione, perché fluidifica i muchi, è più importante dell’alimentazione solida. Come si dice in questi casi: si muore di sete ma non di fame”.

La situazione prospettata è quindi diversa dall’inverno scorso, quando per le restrizioni imposte, le distanze e le mascherine, i casi di influenza erano quasi azzerati. “L’anno precedente – conclude Daniela Amore – chi aveva sintomi a livello respiratorio aveva quasi sempre il Covid. Motivo per cui oggi è importante vaccinarsi, sia per il Coronavirus che per l’influenza, perché è importante tutelarsi il più possibile”.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

error: Contenuti protetti