35.9 C
Comune di Bari
mercoledì 28 Luglio 2021
Home Politica Vigneti, Confagricoltura Bari risponde a Forza Italia: "Uliveti e macchia mediterranea tutelati"

Vigneti, Confagricoltura Bari risponde a Forza Italia: “Uliveti e macchia mediterranea tutelati”

Notizie da leggere

“Rimango fortemente dispiaciuto apprendendo che il capogruppo in Consiglio regionale di un partito quale Forza Italia, da sempre vicino al mondo agricolo, scivoli malamente sulla buccia di banana dell’apparire difensore di qualcosa che non conosce. Se il consigliere Stefano Lacatena si fosse informato, avrebbe scoperto che gli ambienti a cui fa riferimento, macchia mediterranea e uliveti, sono sottoposto a vincoli di protezione già da tempo e nessun agricoltore, se anche ne avesse la voglia, ha la possibilità di trasformarlo in altro”.

Così il presidente di Confagricoltura Bari-Bat, Michele Lacenere, replica alle dichiarazioni del capogruppo di Forza Italia in Consiglio Regionale, Stefano Lacatena, che ieri ha chiesto uno stop ai nuovi insediamenti di vigneti. “Dove c’erano ulivi, macchia mediterranea ed altre specie tipiche del nostro territorio, oggi ci sono immensi teloni di plastica per la coltivazione dell’uva”, ha detto ieri Lacatena.

“Sia gli ulivi che la macchia mediterranea – replica Lacenere – così come ogni superficie d’interesse forestale, che ricade nel perimetro della Regione Puglia, sono assoggettate ai vincoli generici previsti per la categoria e a vincoli specifici relativi alle aree di competenza. Il consigliere Lacatena, pertanto, può dormire sonni tranquilli e, magari, cercare con la sua attività politica di attivarsi su proposte di legge che possano riportare serenità in un comparto, quello olivicolo, devastata da cattiva programmazione oltre che da infezioni batteriche. Per quanto riguarda l’uva da tavola, mi auguro non fosse intenzione del capogruppo di Forza Italia porre limiti alle possibilità esigue che sono rimaste a disposizione degli imprenditori agricoli che intendono ottenere un reddito, sulla cui certezza pendono tutte le alee del caso, mettendo a rischio capitali sulla proprietà fondiaria di cui dispongono”.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche