12.3 C
Comune di Bari

Le notizie di oggi di Bari su Telebari.it

martedì 29 Novembre 2022
HomeStorieCagnolino scappa, Bari si mobilita con volontari e droni. La proprietaria: "Una...

Cagnolino scappa, Bari si mobilita con volontari e droni. La proprietaria: “Una catena umana commovente”

Notizie da leggere

Un’incredibile gara di solidarietà, con decine di baresi mobilitati grazie al passaparola social, intenti a cercare il piccolo Steve. “Tanti avvistamenti, moltissime segnalazioni, e perfino amici che si sono attivati nelle ricerche con il drone”, sorride commossa Stefania Abbrescia, che ieri sera ha potuto riabbracciare il suo cagnolino e ora affida a Telebari un ringraziamento speciale a tutti quelli che hanno dimostrato vicinanza e collaborazione.

Tutto è cominciato domenica sera con un post Facebook della proprietaria di Steve. “Aiutatemi, Abbiamo perso Steve. È scappato da un sguinzagliatoio di Japigia. Sta correndo per la città disperato. Ha il microchip”. L’appello è volato subito sui social (e sul sito di Telebari) e ha messo in allerta non solo i cittadini del quartiere da cui il cane si è allontanato, ma molti internauti di Bari. Sui gruppi dedicati, tante le segnalazioni arrivate in poche ore. Steve è stato avvistato prima a Pane e Pomodoro, e poi a Punta Perotti. “Scappa, non siamo riusciti a prenderlo. Si è allontanato in direzione San Giorgio”, uno dei tanti messaggi arrivati alla proprietaria.

La mobilitazione spontanea è stata inaspettata, incredibile e commovente, spiega Stefania. “Abbiamo vissuto almeno trenta ore di pena – racconta – ma la vicinanza dei baresi ci ha aiutati. Abbiamo attivato un’unità cinofila col cane molecolare, nostri amici coi droni hanno condotto le ricerche nel torrente Valenzano, la dog sitter storica si è mossa con caparbietà instancabile: una catena umana unica, che non si è fermata neppure di notte”.

Tra i volontari anche Biagio Diana, conosciuto a Bari come ‘zio Gino’ per il suo impegno indefesso nei confronti degli animali della città (abbiamo raccontato la sua storia qui). “Ho inseguito Steve correndo i 100 metri, come fossi Mennea”, ironizza Biagio, che si associa ai ringraziamenti di Stefania e sottolinea come “Facebook in questo caso si sia rivelato davvero utile”.

Alla fine la testolina di Steve è stata intravista ieri sera nei cespugli di parco Perotti da tre persone che passeggiavano coi loro cagnolini: Stefania e la sua famiglia non hanno fatto fatica a convincere Steve a tornare a casa in un abbraccio rassicurante.

 

Leggi anche...

Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

Guarda anche

Impossibile copiare il testo!