27.1 C
Comune di Bari
lunedì 20 Settembre 2021
Home Attualità Nucleare, deposito nazionale dei rifiuti radioattivi. Altamura e Gravina categoriche: “Il nostro...

Nucleare, deposito nazionale dei rifiuti radioattivi. Altamura e Gravina categoriche: “Il nostro è un no”

Notizie da leggere

È un no immediato quello che arriva da Gravina e Altamura rispetto alla possibilità di ospitare all’interno del proprio territorio il deposito nazionale dei rifiuti radioattivi italiani. Lo scrivono su Facebook i primi cittadini Alesio Valente e Rosa Melodia. I due comuni, insieme a Laterza in provincia di Taranto, sono i tre siti pugliesi individuati dal Ministero dell’Ambiente tra i 67 luoghi idonei, a livello nazionale, ad ospitare il deposito.

“Non c’è spazio per trattative o valutazioni. Lo dico subito: la nostra risposta sarà un no secco e fermo” scrive il sindaco di Gravina, Valente, il quale definisce la notizia “una doccia gelata: le istituzioni locali sin qui non erano mai state interpellate”.

“Niente e nessuno – continua – può farci cambiare idea rispetto a quella contrarietà già espressa in consiglio comunale nel 2015 e ancora nel 2016 insieme ad altri Comuni. Poi, in termini ambientali, Gravina e la Murgia hanno già dato: la vocazione di queste nostre aree è agricola e turistica, e non permetteremo che ci trasformino in un cimitero di scorie nucleari. Mai”.

“Non ci lasceremo trascinare con rassegnazione in questa situazione” dice la sindaca Melodia, ricordando, come fatto dal collega Valente, che “già il 14 gennaio 2016 i consigli comunali congiunti di Altamura, Poggiorsini, Spinazzola, Irsina, Santeramo in colle, Gravina in Puglia e Matera adottarono con delibera un ordine del giorno in cui si chiedeva alla Regione Puglia e alla Regione Basilicata, al presidente del Consiglio dei Ministri, ai Ministeri dell’Ambiente e dello Sviluppo Economico di ‘dichiarare le aree del territorio regionali e dei comuni interessati non disponibili alla localizzazione del deposito nazionale destinato allo smaltimento a titolo definitivo dei rifiuti radioattivi e del Parco tecnologico'”.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

Guarda anche