24.9 C
Comune di Bari
venerdì 6 Agosto 2021
Home Attualità Bari, il portierato di quartiere al Madonnella diventa realtà: tutto pronto per...

Bari, il portierato di quartiere al Madonnella diventa realtà: tutto pronto per l’inaugurazione in via Signorile

Notizie da leggere

Due mesi dopo l’avvio della campagna di crowdfunding, partita agli inizi di gennaio, il portierato di quartiere al Madonnella diventa realtà. Lo spazio sarà attivo a partire dalle 17 di lunedì 1 marzo al civico 6 di via Michelangelo Signorile. La nascita del portierato, che resterà stabile sul territorio, è una delle azioni inserite nel MadonnelLAB, progetto presentato dalla Cooperativa di Comunità MEST e riconosciuto dalla Regione Puglia nell’ambito del programma “Pugliasociale In – Coop di Comunità 2018”.

“L’obiettivo – spiegano i promotori dell’iniziativa – è quello di rendere più semplice la vita delle persone attraverso l’aiuto nei bisogni quotidiani, nel creare occasioni di lavoro per tutti, professionisti e non, o creare un collegamento di semplici cittadini che mettono a disposizione le loro competenze inespresse e la loro disponibilità”.

“Il portierato di quartiere come supporto ai bisogni materiali e sociali dei cittadini – proseguono da MEST – dalla ricezione di pacchi postali, alla consegna della spesa a domicilio, dal ritiro dei medicinali in farmacia, al pagamento di bollette, alla semplice stampa di documenti. Il portierato sarà dotato anche di un info-point, per il raccordo e lo smistamento di informazioni sul quartiere e sulla sua offerta di iniziative e servizi, incluse tutte quelle piccole attività che possono essere svolte anche da volontari come, ad esempio, accudire animali domestici e piccoli lavori domestici”.

“Lo spazio che verrà inaugurato sarà anche un punto di incontro tra i cittadini del quartiere che sono alla ricerca di lavoratori freelance: idraulici, falegnami, imbianchini, baby sitter, architetti, geometri ed elettricisti. O che vogliono loro stessi offrirsi come lavoratori freelance all’interno della cooperazione – si legge in una nota -. Il portierato, inoltre, potrà agevolare l’incontro di talenti e favorire la creazione di nuovi lavori alternativi in una sperimentazione di nuovi mestieri e contaminazioni per rendere il quartiere ancora più vivo e variegato”.

“Verrà coinvolta inoltre la rete dei commercianti del quartiere, per attività culturali e sociali al servizio dei cittadini – spiegano ancora gli attivisti – per combattere, nel nostro piccolo, la progressiva e inevitabile scomparsa dei piccoli negozi e delle botteghe artigianali, che sono invece il cuore dei rapporti comunitari, della socializzazione e della convivenza reciproca. La collaborazione è alla base della creazione di interventi di empowerment sociale, culturale ed economico, rendendo visibili i punti di forza del quartiere e dei cittadini che lo abitano e lo vivono”.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

Guarda anche