10.3 C
Comune di Bari
mercoledì 14 Aprile 2021
Home Attualità Puglia, vaccinati 5.180 caregiver e familiari di under 16 con disabilità grave:...

Puglia, vaccinati 5.180 caregiver e familiari di under 16 con disabilità grave: 2.586 dalla ASL di Bari

Da leggere

Grande partecipazione alla prima giornata di vaccinazioni dedicata a caregiver e familiari conviventi di minori di 16 anni con disabilità grave: da questa mattina, infatti, sono state effettuate 5.180 somministrazioni nei centri vaccinali aperti in tutta la Puglia e le operazioni, che proseguiranno anche nella giornata di domani, sono ancora in corso. “Si precisa – specificano dalla Regione – che non potranno essere vaccinati in queste giornate dedicate, i caregiver e i conviventi di anziani e soggetti fragili adulti, i quali continueranno ad essere vaccinati secondo le modalità finora previste per ciascuna categoria”. Il riferimento è alla confusione creata da più fonti – istituzionali e sanitarie – che avevano lasciato intendere il contrario.

Le vaccinazioni eseguite dagli operatori della ASL di Bari nella prima giornata degli open day dedicati alle vaccinazioni per i caregiver e familiari degli under 16 sono state 2.586. A Bari nell’hub Fiera – uno dei 17 centri predisposti dalla Asl per le giornate di Pasqua e Pasquetta – il direttore generale Antonio Sanguedolce ha seguito in prima persona le operazioni a supporto di volontari, medici, infermieri e assistenti sanitari impegnati nella gestione dei percorsi vaccinali. “Abbiamo riscontrato una larga adesione – ha detto Sanguedolce – non ci fermeremo mai e ringrazio tutti gli instancabili operatori per il lavoro straordinario che stanno facendo per portare avanti la campagna vaccinale”. Squadre di vaccinatori hanno lavorato anche a Capurso, Valenzano, Mola di Bari, Alberobello, Sammichele, Altamura, Acquaviva delle Fonti, Bitonto, Corato, Molfetta, Adelfia, Monopoli e Locorotondo.

Oggi poi, dalle 8.30, ha preso il via la campagna vaccinale per i pazienti onco-ematologici in cura all’Istituto Tumori ‘Giovanni Paolo II’ di Bari. Rientrano in questa categoria i pazienti onco-ematologici non ricoverati, attualmente in cura con farmaci immunosoppressivi, mielosoppressivi o coloro che hanno sospeso le cure da meno di 6 mesi. I pazienti sono stati contattati direttamente dal personale dell’unità operativa di ematologia dell’istituto e, per ogni paziente, è stato individuato un caregiver poi sottoposto a vaccinazione. L’ordine di vaccinazione ha tenuto conto non dell’anzianità ma del percorso di cura e all’indice di rischio di ognuno dei pazienti, a cominciare dai pazienti trapianti e in attesa di trapianto di midollo osseo. Oggi sono stati vaccinati 54 pazienti e corrispettivi caregiver. Domani mattina si replica con gli stessi numeri. Si procederà in questo modo per tutta la settimana: al momento l’elenco dei pazienti da sottoporre a vaccino conta 800 pazienti.

Il punto vaccinale allestito nell’Istituto tumori è organizzato con 4 postazioni, due riservati ai pazienti, due ai caregiver. Ai pazienti è stato somministrato il vaccino Pfizer, ai caregiver AstraZeneca. In servizio, 15 operatori sanitari fra in medici, infermieri, farmacisti, operatori socio-sanitari. Il Commissario Straordinario Alessandro Delle Donne ha seguito personalmente le operazioni, anche per ottimizzare l’organizzazione per i prossimi giorni. Da martedì, riprenderanno poi le vaccinazioni per il personale sanitario (medici di medicina generale, farmacisti, pediatri, veterinari ecc.ecc): nelle prossime due settimane, saranno concluse le somministrazioni delle seconde dosi.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche