5.3 C
Comune di Bari
lunedì 24 Gennaio 2022
HomeAttualitàHalloween, uova sequestrate sui bus Amtab. Tiro al bersaglio a Japigia e...

Halloween, uova sequestrate sui bus Amtab. Tiro al bersaglio a Japigia e San Paolo

Notizie da leggere

Tanto tuonò, che piovve. Una pioggia di uova contro i bus Amtab, soprattutto nei quartieri San Paolo, Japigia, e su via Crispi. Gli autisti e i controllori dei bus urbani, però, in alcuni casi sono riusciti a prevenire, sequestrando intere scatole di uova destinate al tiro al bersaglio.
La conta dei danni della notte di Halloween – come prevedibile – registra lanci di uova in tutta la città, rivolti in primis ai bus Amtab, come conferma il presidente Pierluigi Vulcano, che ha raccolto le segnalazioni concentrate soprattutto al San Paolo, a Japigia e su via Crispi. Non sembrano, però, essersi verificati episodi più pesanti.

Per timore di subire aggressioni o lanci di petardi, gli autisti Amtab negli scorsi giorni avevano chiesto che il servizio di bus urbani terminasse alle 17. “Gli autisti hanno paura”, avevano ripetuto in coro i sindacati dell’azienda del trasporto pubblico urbano, con una lettera dei sindacati è firmata dalle segreterie Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Faisa Cisal, Confail, Cildi, rivolta a Sindaco, Questore e Prefetto. “Sono diversi anni oramai che la notte del 31 ottobre (Halloween) rappresenta un grave pericolo per gli utenti e i conducenti di autobus dell’Amtab – si leggeva nella missiva – La notte del 31 ottobre 2020, si sono contati oltre 50 episodi di vandalismo nei confronti dei bus, dei loro conducenti e degli utenti trasportati”.

Quest’anno i lanci si sono ripetuti, tanto da costringere i controllori a sequestrare scatole di uova. Segnalazioni sono arrivate anche da parco 2 Giugno, riportate sulla bacheca Facebook del sindaco Antonio Decaro. “Se possibile più controlli – scrive una donna – A parco 2 Giugno mio figlio e mio nipote hanno rischiato un linciaggio da un gruppo di ragazzini che volevano sottrarre le bici: non aspettiamo il peggio, gentilmente più forze dell’ordine, non è possibile vivere di ansia. Mio figlio è tornato a casa molto spaventato”.

Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

Impossibile copiare il testo!