9 C
Comune di Bari
sabato 29 Gennaio 2022
HomeAperturaCovid, neonato esce dalla Terapia intensiva di Bari. Il primario: "Qui anche...

Covid, neonato esce dalla Terapia intensiva di Bari. Il primario: “Qui anche bimbo di due giorni”

Notizie da leggere

Una settimana in Terapia intensiva e oggi il ritorno nel reparto delle Malattie infettive, finalmente fuori pericolo. Il piccolo guerriero sta vincendo la sua battaglia: a soli trenta giorni di vita ha combattuto contro il Covid con complicazioni polmonari, insieme a un’infezione bronchiolare di diversa natura, e ora segna un altro punto a suo vantaggio.
La buona notizia arriva dall’ospedale pediatrico Giovanni XXIII di Bari. Qualche giorno fa, infatti, si è diffusa la storia di un neonato di trenta giorni ricoverato nella Terapia intensiva dedicata ai pazienti Covid in condizioni allarmanti. “Il secondo bimbo più piccolo da inizio del 2021 – spiega Leonardo Milella, direttore del reparto di Anestesia e Rianimazione del pediatrico – Nell’ultimo anno abbiamo accolto una ventina di bambini, uno addirittura di appena due giorni. La situazione è peggiorata negli ultimi tre mesi, a causa della variante Omicron”.

L’ultimo paziente in Intensiva è stato il piccolo guerriero di un mese, che ha visto peggiorare la capacità funzionale respiratoria causa Covid ed è stato trattato con supporto adeguato e terapia farmacologica (“in primis eparina in infusione continua per sette giorni”, dice Milella). Oggi il rientro nel reparto di provenienza, dopo che il peggio è passato. “Stiamo vedendo moltiplicare i bambini in Terapia intensiva – racconta Milella – Anche loro sono molto a rischio, ma per fortuna rispondono adeguatamente: dei piccoli pazienti da rianimazione di terzo livello che abbiamo trattato, nessuno ha infatti riportato conseguenze pesanti o danni gravi. Grande merito va dato ai vaccini, che per fortuna stanno proteggendo anche i piccoli da 5 a 11 anni”. Il messaggio di Milella vuole rassicurare le famiglie pugliesi. “Il Giovanni XXIII ha una terapia intensiva dedicata al Covid con due postazioni complete e all’avanguardia – precisa Milella – Siamo centro Covid neonatale unico nel sud Italia, e negli ultimi sei mesi abbiamo accolto decine di pazienti da zero a sedici anni, moltissimi colpiti da virus sinciziale”.

Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

Impossibile copiare il testo!