11.9 C
Comune di Bari
venerdì 16 Aprile 2021
Home Apertura Corruzione, Procuratore di Taranto ai domiciliari: con Capristo nei guai anche un...

Corruzione, Procuratore di Taranto ai domiciliari: con Capristo nei guai anche un ispettore di Polizia e tre imprenditori

Da leggere

Il Procuratore della Repubblica di Taranto, Carlo Maria Capristo, è agli arresti domiciliari con l’accusa di corruzione in atti giudiziari. Lo stesso provvedimento è stato eseguito a carico di un ispettore della polizia in servizio nella Procura tarantina e di tre imprenditori della provincia di Bari. L’inchiesta, cominciata un anno fa, è portata avanti dalla Procura della Repubblica di Potenza.

Secondo l’accusa, gli indagati avrebbero compiuto “atti idonei in modo non equivoco” a indurre un giovane sostituto presso la Procura di Trani a perseguire penalmente una persona che gli imprenditori, considerati i mandanti, avevano denunciato per usura. Il magistrato, però, non solo si oppose fermamente, ma denunciò tutto. Per la denuncia degli imprenditori infatti – ha stabilito l’inchiesta – non vi erano presupposti né di fatto né di diritto. Di fatto, quindi, Capristo cercò di indurre il pm di Trani a perseguire ingiustamente una persona per usura facendo temere al magistrato ritorsioni. Tra gli indagati, inoltre, per abuso d’ufficio e favoreggiamento, c’è anche l’ex Procuratore della Repubblica di Trani, Antonino Di Maio.

Capristo e l’ispettore, inoltre, sono “gravemente indiziati di truffa ai danni dello Stato e falso”: l’ispettore risultava presente in ufficio e percepiva gli straordinari, ma in realtà stava a casa e svolgeva “incombenze” per conto del Procuratore.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche