6.1 C
Comune di Bari
mercoledì 21 Aprile 2021
Home Apertura Atti intimidatori contro gli amministratori locali, dopo la Campania c’è la Puglia:...

Atti intimidatori contro gli amministratori locali, dopo la Campania c’è la Puglia: nel 2019 segnalati 71 casi

Da leggere

Nel 2019 in Italia sono stati censiti 559 atti intimidatori, di minaccia e violenza nei confronti degli amministratori locali. A certificarlo è il rapporto ‘Amministratori Sotto Tiro’ realizzato dall’associazione Avviso Pubblico e nella lista delle regioni più colpite, dopo la Campania con 92 casi segnalati, c’è la Puglia: 71 casi e maggiore incremento su tutto il territorio nazionale rispetto al 2018. Completa il podio la Sicilia con 66 casi censiti ma, a differenza della Puglia, con un calo rispetto al recente passato del -24%.

Il 61% del totale dei casi – 342 su 559 – si è registrato al Sud, 217 al Centro-Nord e 147 al Nord. Il mese di aprile è stato quello in cui si è riscontrato il maggior numero di intimidazioni: una conferma di come il periodo della campagna elettorale – nel maggio 2019 sono stati chiamati al voto il 48% dei Comuni italiani – sia in assoluto il più difficile. Tra marzo e maggio infatti la media delle intimidazioni settimanali raggiunge quota 12, a fronte di una media annuale di 10,7.

Il personale della Pubblica Amministrazione è stato nel mirino nel 27% dei casi totali, gli amministratori locali nel 56%. Tra questi ultimi, in particolare, i sindaci (57,3%), seguiti dai consiglieri comunali (22,5%, in aumento), assessori (12,8%) e vicesindaci (5,2%). Le aggressioni e gli incendi rappresentano le due principali tipologie di intimidazione messe in atto nei confronti degli amministratori locali (18,6%). Aumento i casi registrati sui social network (15% del totale), seguiti da minacce verbali (12,6%) e invio di lettere, biglietti e messaggi minatori (11,6%).

Seguono i danneggiamenti (8%), le scritte offensive o minacciose (6%), l’invio di proiettili (4%), l’utilizzo di ordigni, molotov ed esplosivi (2%) e l’invio di parti di animali (1.6%). Quasi una minaccia su tre non ha una matrice criminale, ma proviene da comuni cittadini (161, pari al 29% del totale).


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

Buon 48esimo Telebari!