14 C
Comune di Bari
mercoledì 27 Ottobre 2021
Home Cronaca Popolare di Bari, filone d’inchiesta su ‘operazioni baciate’: chiesto processo per Gianluca...

Popolare di Bari, filone d’inchiesta su ‘operazioni baciate’: chiesto processo per Gianluca Jacobini

Notizie da leggere

La Procura di Bari ha chiesto il rinvio a giudizio per tre ex amministratori e dirigenti della Banca Popolare di Bari, tra i quali l’ex condirettore generale Gianluca Jacobini, e per lo stesso istituto di credito per i reati di ostacolo alla vigilanza e falso comunicazione sociali. Si tratta di uno dei filoni sulla gestione della banca, commissariata a dicembre 2019, relativo alle cosiddette “operazioni baciate”, che nell’aprile scorso ha portato al sequestro di beni per circa 16 milioni di euro. L’udienza preliminare inizierà il 28 gennaio 2021 dinanzi al gup del Tribunale di Bari Marco Galesi. Nel procedimento sono individuate come persone offese Banca d’Italia e Consob.

Stando alle indagini della Guardia di Finanza, coordinate dal procuratore facente funzione Roberto Rossi e dai sostituti Savina Toscani e Federico Perrone Capano, gli indagati avrebbero concesso finanziamenti ad alcuni clienti della banca, prevalentemente grossi gruppi imprenditoriali, a patto che poi fossero, almeno in parte, “direttamente o indirettamente utilizzati per l’acquisto di azioni proprie, complessivamente incidenti sui fondi propri della banca, in negativo, per 48,9 milioni di euro”.

Il valore delle azioni così vendute, cioè, di fatto comprate con fondi della banca stessa, sarebbe poi stato inserito indebitamente nel patrimonio di vigilanza così falsificando e sovrastimando la situazione economica dell’istituto di credito. In questo modo gli ex dirigenti della Popolare di Bari avrebbero ingannato Bankitalia e tutti gli altri soci presentando una solidità finanziaria inesistente, “non corrispondente al vero” e “sovrastimata”.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

Guarda anche