11.9 C
Comune di Bari
venerdì 16 Aprile 2021
Home Cronaca Bitonto, tentato omicidio del boss Conte: la sentenza definitiva porta in carcere...

Bitonto, tentato omicidio del boss Conte: la sentenza definitiva porta in carcere il 28enne Luigi Tropeano

Da leggere

Nella mattinata di oggi i poliziotti della Squadra Mobile di Bari e del commissariato di Bitonto hanno arrestato il 28enne bitontino Luigi Tropeano: l’uomo, a seguito di sentenza definitiva, è ritenuto responsabile del tentato omicidio del boss Domenico Conte.

La sentenza, emessa dalla Corte di Cassazione, riguarda l’episodio verificatosi a Bitonto il 17 agosto del 2015 quando Conte e Giuseppe Rocco Cassano, altro elemento di spicco della criminalità locale, furono protagonisti, su fronti contrapposti, di una faida armata a seguito della quale, in quella estate, si registrarono ben quattro sparatorie. In una di queste Cassano, mentre si trovava a bordo di una moto condotta da Luigi Tropeano, esplose contro Conte svariati colpi d’arma da fuoco, senza però colpirlo.

Le immediate indagini permisero di identificare i componenti del commando armato, per il quale fu richiesto un provvedimento cautelare personale. Per quei fatti, a carico di Luigi Tropeano, oggi si è giunti a sentenza definitiva di condanna: dopo gli atti di rito, quindi, l’arrestato è stato rinchiuso nel carcere di Bari.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

Guarda anche