32.9 C
Comune di Bari
giovedì 5 Agosto 2021
Home Cronaca Estorsioni e truffe a società di servizi del porto di Bari, chieste...

Estorsioni e truffe a società di servizi del porto di Bari, chieste 9 condanne

Notizie da leggere

La Dda di Bari ha chiesto nove condanne a pene comprese tra i 7 anni e 6 mesi e i 3 anni di reclusione per altrettanti imputati, vicini al clan Capriati di Bari, nel processo su estorsioni a commercianti, falso e truffa ai danni della società Ariete che gestiva i servizi nel porto.

In particolare Sabino Capriati, figlio del boss Filippo, si sarebbe in più occasioni assentato dal luogo di lavoro con la complicità dei sodali Vito Genchi e Giovanni Rossini. Tutti e tre ora rischiano la condanna a 3 anni di reclusione. Stando alle indagini della Polizia, coordinate dal pm Fabio Buquicchio, il clan aveva assunto di fatto il controllo del servizio di assistenza e viabilità all’interno del porto di Bari, potendo contare su dipendenti compiacenti.

Tra gli imputati c’è anche un ex funzionario dell’Agenzia delle Entrate, Emanuele Pastoressa, che rischia 3 anni di reclusione, accusato di concorso in estorsione per aver prospettato una verifica fiscale ad un imprenditore se non avesse pagato 50 mila euro al clan. Chiesti 7 anni di reclusione per Nunzia Loseto, accusata di estorsione ad un commerciante.

Infine per detenzione e spaccio di droga, la Procura ha chiesto quattro condanne per i pregiudicati Mario Ferrante (7 anni e 6 mesi), Carmelo Recchia (7 anni), Vito Antonio Cutrofo (6 anni) e Fabio Colasante (3 anni). Si tornerà in aula il 7 luglio per le arringhe difensive. Nell’ambito dello stesso procedimento sono già stati condannati in primo grado con il rito abbreviato altri 24 imputati, tra i quali il boss Filippo Capriati, nipote dello storico capo clan Antonio.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche