35.2 C
Comune di Bari
sabato 31 Luglio 2021
Home Cronaca Monopoli, lotta ai venditori abusivi. Agenti in borghese in spiaggia: 5mila pezzi...

Monopoli, lotta ai venditori abusivi. Agenti in borghese in spiaggia: 5mila pezzi sequestrati e multe da 5mila euro

Notizie da leggere

Anche in questa ultima domenica di giugno, a Monopoli, la Polizia Locale è stata impegnata nel contrasto all’abusivismo commerciale su area demaniale e pubblica. Nello specifico, l’impiego di 5 agenti in borghese – supportati da due auto di pronto intervento, per un totale di 9 poliziotti – dalle prima ore della mattina e sino alle 14, ha portato al sequestro di circa 5mila pezzi nei confronti di tre persone, due extracomunitarie e una comunitaria, prive dell’autorizzazione di vendita in forma itinerante oltre che di autorizzazione di vendita su suolo demaniale: venditori abusivi, quindi, a cui è stata comminata una sanzione amministrativa di 5mila euro ciascuno, per un totale di 15mila euro.

A finire sotto sequestro, quindi: 2.966 bracciali, 173 paia di orecchini, 454 collane, 261 anelli, 204 gonfiabili per bambini, 260 cavigliere, 304 elastici per capelli, 64 teli mare e altre chincaglierie. “Merce – dicono dal Comando della Polizia Locale – sufficiente per formare il perimetro di un campo di calcio, che è stata sottratta al mercato illegale. Il servizio antiabusivismo – è scritto in una nota – è finalizzato non solo al rispetto delle norme nazionali e regionali in materia di commercio, ma soprattutto a tutelare i titolari di attività commerciali, che escono da un periodo difficile per il settore e che quindi meritano maggiore tutela e una forte azione di contrasto contro chi vende senza avere la necessaria autorizzazione per farlo”.

Ai tre venditori è stato notificato anche un ordine di allontanamento. “Agli abusivi – spiega il comandante Michele Cassano – è stato dato espresso ordine di allontanamento dal luogo ove è stato commesso l’illecito amministrativo per un tempo pari a 48 ore, unitamente al pagamento di una sanzione amministrativa che va da un minimo di 100 euro ad un massimo di 300 euro, dandone, a seconda della gravità dell’infrazione e precisamente qualora ne possa derivare un pericolo per la sicurezza pubblica, comunicazione al Questore per le operazioni relative all’emissione del Daspo urbano”.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche