3.9 C
Comune di Bari
giovedì 27 Gennaio 2022
HomeBassa sx"Voti comprati" a Triggiano, elenchi degli elettori a casa dell'indagato: per la...

“Voti comprati” a Triggiano, elenchi degli elettori a casa dell’indagato: per la Procura interessate altre città

Notizie da leggere

Potrebbe estendersi ad altre elezioni amministrative di Comuni del Barese l’indagine della Procura di Bari su una presunta compravendita di voti, nell’ambito della quale ieri sono stati notificati 13 avvisi di garanzia, con contestuali perquisizioni domiciliari, nei confronti – tra gli altri – del sindaco di Triggiano, Antonio Donatelli, rieletto nell’ottobre scorso, di due consiglieri comunali e di Alessandro Cataldo, marito dell’assessora regionale ai Trasporti, Anna Maurodinoia.

All’esito delle perquisizioni nelle case e negli uffici di Cataldo, il quale risponde non soltanto della presunta corruzione elettorale dell’ottobre 2021 ma anche del reato di associazione per delinquere dal 2019, sono stati sequestrati due telefoni, un foglio manoscritto con i nomi dei candidati eletti alle ultime elezioni amministrative del Comune di Triggiano, nel Barese, con accanto ad ogni nome le indicazioni relative agli incarichi assegnati, e anche liste degli elettori di tre sezioni di Noicattaro, altra città dove si è votato nell’ottobre scorso.

L’ipotesi del procuratore aggiunto Alessio Coccioli e di sostituti Savina Toscani e Claudio Pinto, con riferimento per il momento alle sole elezioni di Triggiano, è che Cataldo, che è assistito dagli avvocati Mario Malcangi e Gianni Signorile, abbia attivato una rete di “gregari” per individuare e contattare cittadini disposti a vendere il loro voto in cambio di 50 euro.

Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

Impossibile copiare il testo!